In trasferta sul fiume Taro

Amici di Buonapesca ben ritrovati. Dovreste seguirci per toccare con mano quello che vi sto per raccontare. Un amico di Buonapesca che avevamo incontrato sul fiume una volta ci ha invitato a pescare in uno dei fiumi più famosi e ricchi di barbi d’Italia, il Taro. In mezzo a queste giornate stragonfie di nuvole e di pioggia ecco che riusciamo a trovare una giornata direi perfetta. Partiamo da Firenze con il sole che ne fa da padrone, increduli viaggiamo verso Parma e ovviamente arrivati a pochissimi km dal punto di pesca tutto torna normale…la nuvola di Fantozzi si materializza. Vabbè arriviamo in un posto stupendo, pieno di pescatori ma con molti spot a disposizione iniziamo a pescare e felici i primi barbi arrivano…insieme alla prima pioggia. Dopo un po’ di scrosci d’acqua, noi imperterriti senza paura, continuiamo a pescare fino a che non succede l’imponderabile. Non vi voglio raccontare la fine…vedetela da voi. Siamo senza parole.
Un abbraccio e buona visione

Gianfranco